Thegiornalisti in sciopero: “A Riccione oggi piove!”

image_pdfimage_print

Thegiornalisti in sciopero: visto che oggi a Riccione piove, i Thegiornalisti hanno deciso di scioperare. “E’ inammissibile, dopo che abbiamo scritto una hit sul sole che c’è a Riccione, sapere che invece c’è la pioggia! Non si fa!” Mario Giuliacci: “Cosa? Ma è inaudito! Non offendete il mio meteo!”

Thegiornalisti in sciopero: a Riccione sta piovendo, sì. Purtroppo il gruppo non l’ha presa molto bene e ha deciso di scioperare.

“Come? Noi scriviamo una hit su Riccione e sul sole che c’è e poi piove? No, no no eh! NO! Noi incrociamo le braccia! Scioperoooo scioperooooo eeeeh!”

Niente di particolare, si sa. La pioggia è un fenomeno naturale normale, ci sta che ogni tanto possa piovere. Ma per i Thegiornalisti questo è un vero affronto:

“Non permettiamo che il meteo ci prenda in giro! Basta!”

In risposta arriva uno dei più autorevoli meteorologi, Mario Giuliacci:

“Ma cosa dite? Ma cosa? Cosa? Ma è inaudito! Non permettetevi di offendere il MIO METEO!”

Dopo ciò, il meteorologo ha cominciato a scuotere la testa urlando BBBUONASSERRAAA! a destra e a manca.

Non si sa come andrà a finire, ma di sicuro finché a Riccione continuerà a piovere le cose non cambieranno:

“Resteremo qui, sotto la pioggia a poltrire e a riflettere sul tempo che passa” – avvisano i Thegiornalisti.

E noi staremo a guardare. Con la speranza che qualcosa possa cambiare in meglio, prima o poi.

Tutte le notizie contenute in questo articolo sono da considerarsi puro frutto della fantasia dell’autore o degli autori, non corrispondono al vero, e qualunque riferimento a fatti, cose o persone è puramente casuale. In alcun modo si intende descrivere abitudini o consuetudini dei personaggi citati ai fini dello sfruttamento della relativa immagine. Le immagini utilizzate sono di pubblico dominio e non coperte da diritti di proprietà intellettuale.

Foto: Wikipedia

About Andy_Kinesis 104 Articoli

28 anni per gamba, vivo tra qui e là.
Ogni tanto parlo, ogni tanto scrivo, anche se non amo parlare di me.
Da piccolo amavo alla follia i segnali stradali e i trenini, e sognavo di fare l’ingegnere o l’astronauta. Oggi il mio sogno più grande è poter viaggiare senza sosta in giro per l’Italia e per il mondo.

Non toglietemi mai: SUSHI e TRASH!

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: