Un sacchetto di biglie: la storia dei fratelli Joffo in un nuovo film sulla Shoah

Tempo per la lettura: 2 minuti circa

Tratto dall’omonimo romanzo autobiografico edito in Italia da Rizzoli, Un sacchetto di biglie porta sul grande schermo la storia dei fratelli Joseph e Maurice Joffo, in fuga dalla persecuzione nazista.

Joseph e Maurice sono solo due ragazzini quando gli echi della seconda guerra mondiale giungono alle porte di una pittoresca Parigi anni quaranta. È il 1943 e le milizie naziste hanno ormai invaso la città e per una famiglia ebrea come quella dei Joffo non c’è altro tentativo di scampo se non quello di dividersi e scappare, con la promessa e la viva speranza di ritrovarsi e ricongiungersi in un futuro non troppo lontano. Nel giro di poche ore, la fredda lucidità dei loro genitori strappa i due ragazzi dalla spensieratezza di quelle giornate fatte di strattoni e ginocchia sbucciate, indirizzandoli verso un itinerario di fuga studiato a puntino che li condurrà, non senza difficoltà, dalla capitale alla costa azzurra. Da Parigi a Dax, tagliando per Aix-les-Bains sino a Nizza, l’avventurosa fuga dei fratellini Joffo ricalca i tratti del più tipico racconto picaresco della tradizione letteraria spagnola e si snoda lungo una terra imbruttita dagli orrori della guerra e inquinata dalle urla di migliaia di civili ebrei, sottratti delle loro vite e deportati come bestiame.

Con i piedi insanguinati e sul costante orlo di un crollo emotivo e fisico, la lunga peregrinazione verso la salvezza vedrà Joseph e Maurice imbattersi in numerose avventure e altrettante persone disposte a rischiare la vita pur di lasciar loro proseguire incolumi il loro cammino. Dolore, mancanze e sfinimento rendono la fuga di Joseph e Maurice ancora più difficoltosa, ma l’esigenza di salvezza e il desiderio di riabbracciare i propri cari darà loro, così piccoli ma tenaci, la forza di tener viva la speranza di un lieto fine.

Dopo Schinder’s List, Il Pianista e Il bambino con il pigiama a righe, Un sacchetto di biglie è una nuova produzione cinematografica che tratta più dolcemente e, perché no, in modo più poetico la drammatica pagina dell’olocausto raccontando una storia dove il coraggio, l’ingegno ma anche una buona dose di fortuna porteranno i fratelli Joffo a ritrovare la loro famiglia dispersa.

 

Fonte immagini: allocine.fr – southranlbel.com – mymovies.it

 

 

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: