10 meraviglie del Veneto sconosciute (e da riscoprire)

Tempo per la lettura: 3 minuti circa

Ah, il Veneto! Venezia, Cortina, le Dolomiti, l’Arena di Verona, le ville del Palladio e…

…e molto di più! Dobbiamo solo deviare dai principali flussi turistici per riscoprire delle autentiche meraviglie.

 

1) Brent de l’Art: ultimamente questa meta avventurosa sta diventando sempre più ambita, proprio grazie alla meraviglia che ispira al visitatore. Il Brent de l’Art è infatti un canyon modellato magnificamente dall’acqua. Si trova in provincia di Belluno, in particolare a Trichiana, ed è possibile percorrerlo dall’interno…portatevi però un cambio e delle scarpette da scoglio!

 

2) Lago azzurro: il blu è il vostro colore preferito? Allora non potete perdere questo laghetto meraviglioso! Si tratta di una conformazione carsica che contiene un piccolo bacino di acqua dolce e…azzurrissima! Il laghetto si trova a Mel, in provincia di Belluno: e già raggiungerlo è un’avventura da provare.

 

3) Bus del Refoss: per la rubrica “canyoning” aggiungiamo anche questa meta sconosciuta ai più, a Paderno del Grappa in provincia di Treviso. Dalla valle di San Liberale, con una mezz’ora di cammino, si raggiunge questa particolarissima fessura sul Monte Grappa nella quale scorre un rivolo di acqua freschissima. L’imponenza delle pareti del Bus vi sorprenderà!

 

4) Altar Knotto: avete mai visto un masso in bilico sul vuoto? Sull’altopiano di Asiago (VI) si può! Questa suggestiva formazione rocciosa si trova sopra il centro abitato di Rotzo. Per raggiungerlo esiste un sentiero ben curato e percorribile con facilità. Una volta arrivati, vi meraviglierete del tributo al cielo fatto da questo masso sporgente sulla Val d’Astico.

 

5) Sentiero del Silenzio: sempre sull’Altopiano di Asiago, a Gallio, esiste un percorso dedicato al silenzio. Si tratta di un sentiero dedicato all’orrore della guerra che tanto ha ferito questi luoghi. Si tratta di tempo di meditazione, di parole lontane e cuori vicini. Il percorso è accompagnato da testi e cippi commemorativi.

 

6) Cima Grappa: sulle tracce della guerra, non potete perdere la monumentalità di Cima Grappa (TV), con il suo ossario, la galleria Vittorio Emanuele (centro del comando italiano) e il monumento al partigiano. E poi…una fetta di dolce al Rifugio Bassano?

 

7) Asolo: sulle colline dell’alto trevigiano esiste questo antico borgo tutto da godere. Una piccola perla medievale posta su una collina, completa di castello, rocca, cattedrale romanica. Da non perdere! E se volete sorprendere ancora di più, spostatevi poco più in là, a Possagno: il tempio e la gipsoteca del Canova meritano senz’altro una visita.

 

8) Cascatelle del Silan: sulle dolci colline bassanesi (VI) ci sono delle cascatelle che vale la pena di vedere, per la loro dolcezza e semplicità. Se poi abbinate una passeggiata tra i boschi che conduce all’antico eremo di San Bovo, cosa volere di più?

 

9) Calieroni di Valstagna: Valstagna è un piccolo paese della Valsugana, pieno di storia e di natura. Poco sopra piazza San Marco scoprirete una meraviglia inaspettata: sono i calieroni, delle marmitte scavate dall’acqua del Brenta. Perché non seguire poi il celebre palio delle zattere a luglio?

 

10) Oasi del Cervara: avete mai visto delle cicogne nel loro habitat naturale? All’oasi del Cervara, a Santa Giustina di Quinto (TV) si può! Si tratta di un meraviglioso parco naturale, ben curato, sulle sponde del Sile. Insieme alle cicogne potrete vedere anche il Martin Pescatore e molta altra avifauna locale.

 

Allora, che aspettate a viaggiare fuori dal coro? Il Veneto vi aspetta.

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: