Festival Ropain, una festività… bagnata

Tempo per la lettura: 1 minuti circa

In Nepal ogni anno si tiene un festival particolare: il festival Ropain, ovvero la festa nazionale del riso, che cade il 15 di Ashad, secondo il calendario nepalese. Le celebrazioni, iniziate nel 2005, si svolgono ogni anno e coincidono con l’inizio della coltivazione del riso, cereale fondamentale nella cucina del paese. In generale, l’agricoltura corrisponde a oltre il 50% per PIL del paese.

Canti, balli e giochi nell’acqua fangosa delle risaie animano i villaggi nepalesi, che celebrano il riso e i venti monsonici, essenziali per la vita in Nepal, poiché rendono fertili i terreni che forniranno poi il riso per tutto l’anno. Così il festival è assimilabile a un rito propiziatorio al quale i contadini si dedicano con entusiasmo perché da lui dipende il futuro dei loro raccolti.

Il festival Ropain è anche una potente fonte di attrazione per i turisti, curiosi di scoprire la cultura asiatica e le sue usanze. Durante il festival Ropain, è possibile giocare nel fango o cimentarsi in balli tipici dei locali, aiutare i contadini durante la semina del riso e scoprire di più sulla coltivazione del riso.

Malgrado il susseguirsi di anno in anno della festa propiziatoria Ropain, in passato la popolazione ha sofferto di gravi carestie. L’annata del 2011, ad esempio, è stata particolarmente infelice. Spesso infatti le abbondanti piogge monsoniche e le frane distruggono i raccolti e interrompono le strade, rendendo difficile l’approvvigionamento di cibo. Anche la crescita vertiginosa della popolazione in certe annate contribuisce ad aggravare il problema alimentare.

 

Fonte immagini: Pixabay

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: